post

Ca5, Scialla: “Dal lunedì al venerdì scherzo con tutti, il sabato mi trasformo”

In campo è uno di quelli che si sentono di più e potrebbe essere rischioso avvicinarlo a ridosso di una partita, magari persa. Proprio per questo abbiamo intervistato Antonio Scialla quattro giorni dopo la sconfitta contro il Borgo Five.

Antonio, hai sbollito la rabbia per il KO di sabato? A fine gara eri piuttosto contrariato per usare un eufemismo…

“Eh… è difficile buttarsi alle spalle una sconfitta del genere. Onestamente ci penso ancora, però fa parte del gioco, si vince e si perde, non possiamo farci niente”

Tu sei reduce da un infortunio importante (lesione del retto femorale), come stai adesso?

“Sì, l’infortunio è stato puttosto serio, lo strappo inizialmente era di 6 cm e ora si è ridotto a 2: mi ha imposto uno stop di un mese e mezzo. Comunque piano piano sto recuperando. Certo, ancora faccio fatica a calciare, difficilmente lo faccio perché avverto ancora dolore. Però sto rientrando, dai. Ci vuole un altro po’ di pazienza per arrivare al 100%”

Tu sei un tipo fumantino. Ti senti, con il tuo approccio alle partite, con la tua “garra”, di rappresentare un po’ il carattere della squadra?

“Siamo una squadra giovane. Perciò da questo punto di vista cerco sempre di trasmettere qualcosa più, perché sul piano tecnico siamo veramente forti, davvero bravi, e su quello tattico abbiamo la garanzia di mister Barbato: in 20 anni di calcio a 5 ne ho girati di mister, ma raramente ho visto un allenatore così preparato. Però, ripeto, a noi manca ancora un certo tipo di esperienza, la cattiveria agonistica. Prendi ad esempio la gara di sabato: avevamo ancora due falli da spendere, non abbiamo fatto fallo per prenderci il pareggio e invece sappiamo all’ultimo secondo com’è andata. Però va bene, queste sconfitte ci fanno crescere”

In che modo la tua forte personalità si è associata agli altri compagni del CUS?

“Mi trovo bene nella famiglia del CUS. Ho trovato ragazzi splendidi con cui ho legato subito anche se il mio carattere è un po’ così… Purtroppo il mio difetto si rivela il sabato: dal lunedì al venerdì scherzo con tutti, il sabato sono inavvicinabile. Questo non riesco a cambiarlo”

Durante gli allenamenti sei solito affermare “‘a mille lire m’ha joc sabato”. Ti andrebbe di spiegare il significato di questa espressione?

“Certo (ride, ndr.).  Si tratta di un’espressione che deriva dal fatto di non poter dare tutto in allenamento per via dell’infortunio e riservare tutte le energie al match di campionato. In pratica mi conservo per la partita, e quando durante l’allenamento i compagni mi prendono in giro per qualche errore o se mi impegno al 90% più che al 100%, io dico loro che “‘a mille lire m’ha joc sabato”. Infortunarmi in allenamento comporterebbe la rinuncia alla partita, e io alle sfide non voglio mancare”

Sabato siete di scena a Capua, avete l’occasione per un pronto riscatto.

“A Capua sarà una bella partita. Loro sono una bella società, una bella squadra. Adesso hanno un nuovo allenatore, Daniele Ventimiglia, un grande amico che saluto. Spero comunque che torneremo con i tre punti, così passiamo un Natale più tranquillo e sereno”.

intervista a cura di Luigi Fattore

Segreteria CUS Caserta