post

Volley, Di Caprio: “Che sofferenza nel 4° set!”

Al termine della sfida di Capodrise contro la Union, che ha visto il CUS imporsi per 3-1, mister Di Caprio è un misto di gioia e sofferenza, con prevalenza di quest’ultima.

Tre partite tre vittorie, non male questo inizio stagione per il CUS Caserta.

“Abbiamo iniziato bene la stagione. Stasera sapevo fosse dura, anche perché l’ultimo allenamento lo avevamo svolto venerdì e oggi (ieri, ndr.) siamo venuti direttamente a giocare.  Voglio fare i complimenti alla Union, che è sì formata da ragazzi molto giovani, ma che vogliono e possono crescere. C’hanno messo in difficoltà al punto che pensavo di perdere anche il quarto set.
Non è stata una partita facile, anche per via di molti errori che hanno favorito il ritorno degli avversari. Purtroppo a volte, presi dall’euforia, cala il livello di concentrazione, e commettiamo proprio quell’errore che un momento prima avevo provato a correggere”

Lo svolgimento del match ha ricordato un po’ la sfida contro Sparanise della prima giornata.

“Sì, è vero. Anche oggi (ieri, ndr.) sul 2-0 pensavamo che la partita fosse vinta, ma non bisogna mai rilassarsi né contro la prima in classifica né contro l’ultima. E’ sempre una battaglia e se sei più forte lo devi dimostrare in campo. Commettiamo errori grossolani. Probabilmente è stata anche colpa mia, perché effettuando troppe rotazioni ho alterato un equilibrio che ci stava facendo dominare. Comunque sia, capisco i ragazzi perché fuori dal campo è una cosa e dentro ne è un’altra”

Mi ha colpito un’espressione che hai pronunciato in panchina: “Mi sento il fegato spappolato”.

“E’ proprio così. L’ho usata per descrivere la grande sofferenza che abbiamo patito per portare a casa il quarto set. Sai, In quei momenti ti immedesimi nei giocatori”

Ora vi aspetta la sfida del 27 a Capua contro Cellole.

“Già abbiamo la testa al Cellole,  ma l’unico rammarico è che non possiamo allenarci con continuità per problemi di spostamenti e di disponibilità della palestra. Non conosco gli avversari, so solo che in 3 partite hanno messo insieme 6 punti. Non so cosa ci aspetta, ma posso dire che daremo battaglia. Ci vuole la concentrazione massima. La pallavolo non ti aspetta, è fatta di attimi. L’errore non ci deve condizionare, bisogna andare avanti. Senza se e senza ma. Se siamo una squadra riesce tutto più facile”.

intervista a cura di Luigi Fattore

Segreteria CUS Caserta

post

Volley, altro successo esterno per il CUS Caserta. Union battuta 3-1

Il CUS Caserta centra la terza vittoria su altrettante partite di cui due consecutive in trasferta. Al 3-0 ottenuto ad Aversa contro i Normanni ha fatto seguito il 3-1 di Capodrise rifilato alla Union Volley, un risultato che proietta i casertani al secondo posto in classifica con 8 punti ma con una gara in meno (in testa ci sono i Normanni a quota 9).

Il Match del “Gaglione” ha certificato la superirità tecnica dei Vanvitelliani, che sin dalle prime battute hanno imposto il loro ritmo all’andamento della sfida. Il primo set, sempre in controllo, è stato vinto dai cussini con il punteggio di 25-18, e va detto che molti dei punti conquistati dalla Union sono stati frutto di imprecisione da parte degli universitari che, però, a fronte di tanti omaggi, all’occorrenza si sono imposti grazie all’ottimo avvio di Monaco, Panico e Pascarella – imbeccati alla perfezione da Sgueglia – che tra schiacciate e pallonetti hanno tenuto a debita distanza i locali, almeno fino all’11-17. Poi una carrellata di errori ha riportato i padroni di casa in partita, sul 18-19. Il set era a tutti gli effetti riaperto, ma i casertani hanno fatto pesare la loro qualità proprio nel momento topico: a consegnare la prima frazione ai cussini sono sei punti consecutivi, di cui gli ultimi due portano la firma di Buanne (muro vincente) e Panico (schiacciata).

Il secondo set segue la falsariga del primo, solo che oltre agli errori del CUS, si sono messe anche delle belle giocate dei padroni di casa, che hanno esaltato la buona vena realizzativa di Prata e Tartaglione, bravi a bucare la non sempre impeccabile ricezione rossoblù. Un clamoroso errore di Buanne in battuta porta pericolosamente la Union sul 23-24, annullando così un set point conquistato da Pascarella. Ma poi, arriva la sentenza Panico, che stavolta con un pallonetto fissa il punteggio sul 23-25: CUS avanti 2 set a 0.

Il terzo potrebbe essere definito come il set dello smarrimento. Da una situazione di 8-12 con avanti Caserta, propiziata dal notevole impatto del neo entrato Scialla e dalla caparbietà di Volpe, ci si è ritrovati 14-13 per i ragazzi di Angeloni, che hanno cominciato a crederci picchiando forte. A nulla valendo la riscossa guidata da Pascarella e Albano, la terza frazione è della Union Volley: 25-22.

L’inerzia sembra girare a favore dei padroni di casa, che danno del filo da torcere anche nel quarto gioco. I Vanvitelliani non riescono a prendere un vantaggio considerevole e vengono incalzati punto su punto. E pure quando si trovano avanti sul 23-19, falliscono diversi match point, al punto da trovarsi nella situazione opposta, ovvero sul 24-25. Ma tre punti consecutivi regalano il successo ai casertani: Volpe pareggia i conti, Buanne segna il vantaggio e Pascarella chiude i conti: 27-25 e successo per Caserta.

Luigi Fattore

Segreteria CUS Caserta