post

Tennis Tavolo, Porzio: “La classifica piange, ma sono soddisfatto e vi spiego perché”

Abbiamo incontrato Giuseppe Porzio, consigliere del CUS Caserta, nonché dirigente, tecnico e atleta della sezione Tennis Tavolo per parlare di questo scorcio di stagione che vede i Vanvitelliani fanalino di coda del campionato di Serie D2, girone A.

Giuseppe, dopo 5 giornate il CUS è ultimo in classifica con appena 2 punti. C’è da preoccuparsi?

“Certo, la classifica è quella che è, però uno si dovrebbe preoccupare se avessimo atleti veterani o giovanissimi che si dedicano anima e corpo a questa disciplina. In realtà quella del CUS è una sfida, perché si è presentato nel campionato di D2 con una squadra nascente in un duplice senso: prima esperienza in assoluto per il CUS, ma anche perché è costituita da studenti e ricercatori che hanno preso la racchetta in mano solo all’oratorio quando erano ragazzi. Adesso stanno iniziando ad essere guidati e formati tecniche”

Al di là dei risultati, qualche miglioramento c’è stato?

“Sì, qualche miglioramento comunque c’è stato. Soprattutto dal punto di vista delle prestazioni, perché gli stessi atleti hanno una contezza sempre maggiore di quelli che sono i loro limiti e fin dove si possono spingere, anche perché si confrontano con avversari molto competitivi indipendentemente dall’età e dalla categoria. Questo fa sì che si pongano in modo diverso negli allenamenti”

Anche perché perdere non è mai piacevole…

“Infatti prima l’allenamento veniva visto come un momento di distensione, quasi svago, per sfogare lo stress della settimana; mentre ora viene approcciato con lo spirito competitivo, la fase dell’apprendimento e/o preparazione è diventata più seria. Adesso si vuole provare a vincere oppure, se proprio non è possibile, almeno perdere con dignità, dopo aver dato il massimo. L’obiettivo è quello di difendersi. E in effetti ci stanno riuscendo. Nonostante lo 0-5 dell’ultima sfida, quella contro Sessa, se ci si concentra sui parziali non abbiamo perso malamente. Almeno rispetto alle prime partite, dove perdevamo, sia per troppa insicurezza o addirittura per presunzione, 11 a 0 o 11 a 3), ora le partite durano di più: ad esempio la nostra unica vittoria, 5-4 con San Nicola, è giunta dopo ben 4 ore di gioco”

Insomma, qualche motivo per sorridere si può trovare. Non è tutto da buttare.

“Asslutamente no, io sono comunque soddisfatto. La passione sta crescendo. Trovo molto positivo anche il clima che si è instaurato tra noi 8 atleti, l’approccio professionale e agonistico che emerge dagli incontri pre-partita con il tecnico Federico De Turris da questo punto di vista è emblematico. Consideriamo sempre che abbiamo iniziato a settembre e che dunque solo da tre mesi stiamo imparandoo schemi e servizio, attività cui, per impegni vari, possiamo dedicarci 1 o 2 volte a settimana, rispetto ai ragazzini che possono investire maggior tempo”

Gli atleti li avete selezionati nell’ambito dello stage dell’anno scorso, giusto? Ce ne sarà uno anche in questa stagione?

“Esatto. Li abbiamo selezionati con lo Stage del novembre 2018 organizzato dal CUS: di 14 atleti partecipanti ne abbiamo presi 8. Visto il successo dell’anno scorso, riproporremo per il 2020 la stessa formula, molto probabilmente a gennaio, per poter diffondere ulteriormente questo sport tra i banchi della Vanvitelli e reclutare qualche altro atleta per l’attività federale 2020/2021″

Un pensiero sulla prosima sfida che vi attende.

“La prossima sfida è sabato 7 ed è a Capua. L’anno scorso con il San Nicola c’abbiamo vinto, ma si tratta di una compagine molto agguerrita composta allo stesso tempo da splendide persone che ti mettono a tuo agio. Mi piace sottolineare che intorno a questo sport si respira un clima molto bello, faccio l’esempio dell’incontro con Sessa della settimana scorsa: dopo lo 0-5, Marcello Miraglia, capitano della squadra sessana, con i suoi ragazzi ha trascorso del tempo supplementare con noi, in una sorta di allenamento post gara, per mettere al nostro servizio la sua esperienza e aiutarci a smussare i difetti. Abbiamo apprezzato tutti la sua disponibilità, e per questo lo ringrazio pubblicamente”.

intervista a cura di Luigi Fattore

segreteria CUS Caserta

post

UNISOCCER: il programma della 7a giornata

Stasera andrà in scena la settima giornata del torneo interfacoltà UNISOCCER. Come la settimana scorsa e come sarà fino alla fine della manifestazione, saranno due gli impianti in cui si disputeranno le partite.

Tre le sfide in programma quest’oggi.

Dalle 19, presso il campo del Dipartimento di Scienze Politiche (V.le Ellittico 31, Caserta), si affronteranno:

LEOTTA TEAM vs REAL TERZA CATTEDRA

INFERMIERISTICA CASERTA vs THE ROYAL SOCIETY

Dopo 6 giornate comanda Squadra Materasso, a punteggio pieno.

In contemporanea, alle 20, sul campo dell’Aulario (Via Martiri del dissenso, 6, Santa Maria C.V.), si giocherà la sfida:

QUANTA BATTAGLIA vs HOROUS TEAM.

L’ingresso è gratuito, siete tutti invitati.

Luigi Fattore

Segreteria CUS Caserta

 

post

Stelle al Merito Sportivo: anche il CUS all’evento CONI di giovedì 5 dicembre

Il CUS Caserta, in nome del presidente Vincenzo Corcione, è lieto di annunciare che giovedì 5 dicembre, alle 17:30 presso l’Aula Magna del Dipartimento di Matematica e Fisica dell’Univeristà degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli” (V.le Lincoln 5), sarà presente in qualità di ente collaboratore, all’evento-CONI “Stelle al Merito Sportivo”, rassegna organizzata al fine di celebrare i risultati sportivi ottenuti nel  2019 da atleti, tecnici e dirigenti casertani. Questo il programma: stelle2019 CONI.

L’occasione è gradita per invitare consiglieri, tesserati, studenti, docenti e chiunque voglia intervenire.

Luigi Fattore

Segreteria CUS Caserta

post

Calcio a 5, Barbato: “Bene il carattere, ma la strada è ancora lunga”

Dopo il pareggio interno contro Acerra, abbiamo raccolto le dichiarazioni di Gianpaolo Barbato, allenatore del CUS Caserta.

Mister, come giudica questo 2-2?

“Certamente è un risultato positivo. La squadra non ha mai mollato, c’ha creduto sempre e questa è una cosa che ci era mancata nelle ultime due partite”

Cosa le è piaciuto di più e cosa meno dei suoi ragazzi?

“Come detto, il carattere mostrato è stata la cosa più importante, anche perché siamo stati sempre sul pezzo in una gara molto difficile, terminata con un pareggio che considero giusto. Però, a parte la risposta caratteriale, devo dire che abbiamo sbagliato completamente l’approccio alla partita”

Si riferisce ai troppi errori in fase di possesso commessi nel primo tempo?

“Sì, certo. Da un punto di vista tecnico-tattico non ho avuto tutte le risposte che cercavo. Ho visto poco di quello che avevamo preparato in allenamento. Eravamo timorosi e contratti. Non riuscivamo a essere corti e aggressivi nel pressing, e in queste partite ogni errore si paga a caro prezzo, come poi è avvenuto in occasione dello 0-1”

Eppure sono stati pochi i cambi da lei effettuati. 

“Sì, perché non stiamo attraversando un momento particolarmente brillante. Di solito sono abituato a ruotare e concedere minutaggio a tutti, ma in una sfida del genere ho preferito chiedere uno sforzo maggiore ai giocatori più pronti”

Qual è l’aspetto su cui si deve lavorare? 

“Senza dubbio la testa. Non riusciamo a mantenere lo stesso livello di concentrazione per tutta la partita, e questo non ce lo possiamo permettere, anche perché la differenza tecnica tra tutte le squadre di questo campionato è molto sottile, perciò è l’atteggiamento ad incidere più di qualunque altra cosa. La testa decide se puoi battere chiunque o se puoi perdere contro chiunque. Però, ripeto, rispetto alle sfide contro Ludovico e Matese, i ragazzi li ho visti con una cattiveria maggiore. Alla fine è stata una bella partita. Una base da cui ripartire con ottimismo”.

Intervista a cura di Luigi Fattore

 

post

Calcio a 5, CUS Caserta-Acerra 2-2

Dopo un periodo sotto tono, il CUS Caserta era chiamato a una prova di carattere, per giunta contro un avversario ostico. I ragazzi di mister Barbato hanno risposto presente. All’Aulario, contro Città di Acerra, è andato in scena un incontro ad alta tensione terminato con un giusto e incoraggiante 2-2.

A dire il vero, gli ospiti hanno approcciato il match con le idee più chiare. Compatti dietro la linea della palla, lasciavano volentieri l’iniziativa ai Cussini, poco brillanti in costruzione, pronti a colpire in contropiede sfruttando ogni minimo errore. Proprio da un retropassaggio errato di Ravio è nato lo 0-1 di D’Anza: il numero 17, solo davanti a Di Stasio, lo ha infilato con un tiro di punta finito sotto la traversa.

Dopo il vantaggio, Acerra ha continuato a spingere. Ancora errori in fase di disimpegno, e solo i grandi interventi del portiere e le chiusure di Mastroianni hanno evitato il raddoppio biancoblù. A cinque minuti dal termine della prima frazione, però, il CUS ha iniziato a essere più incisivo, grazie soprattutto alle combinazioni, sulla fascia destra, tra il nuovo tesserato Rossetti – ottimo esordio, il suo – è Morelli. Finalmente anche la difesa degli ospiti ha iniziato  ad aprirsi, e in questa crepa si è inserita la conquista dell’angolo da cui è nato l’1-1. Manni, ricevuta palla dal vertice sinistro dell’area, ha spedito all’angolino opposto un efficace destro di punta, che ha certificato il finale di tempo giocato in crescendo.

Finale di tempo che ha avuto delle ripercussioni positive anche sulla ripresa. Dagli spogliatoi è infatti risalito un CUS più agguerrito, che ha trovato subito il punto del 2-1: Manni conquista una punizione dal limite che il migliore in campo, Mastroianni, trasforma in gol con un imprendibile sinistro.

A questo punto la partita si accende. Aumentano di pari grado la spettacolarità e la tensione, con Acerra alla ricerca del pareggio e i Vanvitelliani pronti a soffrire e ripartire. Di Stasio e il rinsavito Ravio fanno gli straordinari per tenere stretta la vittoria, ma a 4 minuti dal triplice fischio, in virtù di un tiro franco, Acerra pesca il 2-2: Di Stasio respinge il tiro di Mezzogori, ma non può nulla sulla ribattuta di Miranda.

Una sgroppata del solito Rossetti terminata con un bel destro regala un’ultima emozione, ma il portiere Crispino è attento e salva i suoi.

Le due squadre hanno dato vita a una sfida dagli elevati toni agonistici, dove a farla da padrona è stata l’intensità. Il pareggio è stato dunque giusto, e consente a entrambe le compagini di guardare con ottimismo ai prossimi impegni.

Luigi Fattore

Segreteria CUS Caserta

 

post

Volley, 1DM: Il CUS Spara… nise 3-2!

Davanti a un centinaio di spettatori che hanno gremito il Centro Sportivo “Falco” di Capua, il CUS Caserta ha iniziato col piede giusto questa nuova avventura nella Prima Divisione maschile.

I ragazzi di mister Di Caprio hanno infatti sconfitto Sparanise Volley con il punteggio di 3-2. Una partita molto tirata rimasta in bilico fino alla fine. Eppure i Vanvitelliani l’hanno avuta in pugno per larghi tratti, tanto è vero che si erano portati sul 2-0, in virtù del 29-27 dell’infinito primo set, e del 25-19 del convincente secondo.

Poi, però, forse per un eccesso di sicurezza, i rossoblù hanno inaugurato una sciagurata  e variegata serie di errori che ha avuto come logica conseguenza il ritorno in partita degli ospiti, i quali si sono aggiudicati sia il terzo (25-19) che il quarto set (25-16).

Una situazione paradossale che ha gettato tutti nel panico. Ma fortuna vuole che Panìco giochi nel CUS, ed è stata proprio la sua schiacciata a chiudere i conti sul 15-13 nel quinto e ultimo set, regalando il sofferto successo ai padroni di casa.

Luigi Fattore

                                            Segreteria CUS Caserta