Calcio a 5 – A Solopaca gol a grappoli per il CUS: Frasso travolto 12-3! Cinquina dello scatenato Morelli

SOLOPACA (BN) – Grande esibizione del CUS che centra la seconda vittoria consecutiva (su due partite disputate) in campionato. Gli uomini di Barbato, seppur rimaneggiati – alla tendostruttura di Solopaca si sono presentati solo in 7 -, hanno dato spettacolo sommergendo di gol il Frasso Telesino: il 12-3 finale per Caserta riduce al minimo ogni possibilità di analisi.

PRIMO TEMPO – Eppure l’inizio del match è tutt’altro che agevole. Il rientrante Di Stasio, rimasto tra i pali per tutti i 60′ di gioco, si rende subito protagonista di un paio di interventi a strettissimo giro sui due Paciello, Roberto prima e Mario poi, consentendo al CUS di non pagare a suon di gol un avvio poco brillante.  I primi cinque minuti infatti sono appannaggio dei padroni di casa, che scaldano ancora le mani di Di Stasio con l’intraprendente Paciello (Roberto).

I Vanvitelliani esprimono poche idee in questa fase, e allora si aggrappano al proprio portiere, che, oltre a parare, si diletta a costruire e, perché no, anche a provare conclusioni dalla distanza con il suo velenoso sinistro: bello il tuffo del “collega” Aldi che al 6′ gli nega il gol distendendosi alla sua sinistra. Il break offensivo però capovolge l’andamento della sfida, che da questo momento in poi si colora di rossoblù. Mastropietro recupera palla a centrocampo e mette in moto il duo Casella-Morelli, ed è proprio il numero 10 a chiudere in rete un triangolo di pregevole fattura (7′).

Il vantaggio aumenta la voglia di gol degli ospiti, che sfiorano il raddoppio ad ogni occasione, sia attraverso azioni manovrate sia con tentativi da fuori area. Un destro di Giordano non viene trattenuto da Aldi e coglie impreparati i difensori che non riescono a spazzare: Morelli si avventa come un falco sul pallone rimasto incustodito e porta il CUS sul 2-0, punteggio con cui si chiude la prima frazione di gioco.

SECONDO TEMPO – La ripresa inizia come il primo tempo, cioè con il Frasso Telesino in avanti. Stavolta però gli esiti sono diversi e immediati. Anche un Di Stasio in palla non può nulla sul diagonale chirurgico di Paciello R., ancora lui, che raccoglie i frutti di una bella discesa sulla destra. L’1-2 dovrebbe rappresentare il più classico accorciamento delle distanze, ma dura troppo poco per assolvere a questa funzione: passano pochissimi secondi e l’asse Giordano-Morelli colpisce ancora, con il 10 che va per la terza volta a bersaglio deviando in rete un astuto calcio d’angolo del 22 (3-1). Poco dopo i ruoli si invertono: è Morelli su corner a pescare Giordano fuori area: destro imparabile che va a infilarsi sotto la traversa (4-1).

Il triplo vantaggio cussino spezza le gambe ai telesini, che vanno in bambola. Allora Caserta continua a macinare gioco, a esprimere cattiveria agonistica e soprattutto ad allungare la sequenza di gol. Il 5-1 lo firma ancora Morelli, scaltro a far passare il pallone sotto le mani di Iannotti (subentrato nel frattempo ad Aldi); lo stesso Iannotti che viene beffato anche da Mastropietro con un millimetrico pallonetto dalla propria metà campo (6-1), mentre una manciata di secondi più tardi è Giordano bravo a sfruttare un grande assist di Di Stasio (7-1).

Di Domenico interrompe la catena indovinando un sinistro strepitoso che raggiunge l’incrocio dei pali senza lasciare scampo a Di Stasio (2-7), ma è ancora Giordano a portare a 8 le marcature del CUS (tris per lui). Dopo il 3-8 di Di Domenico, con un altro pregevole sinistro a incrociare, il Frasso non ne ha più; al contrario la squadra di Barbato gioisce altre tre volte: precisa conclusione di Palmiero (9-3) su invito di Morelli, che poi si fa trovare pronto per la cinquina personale su imbeccata di Mastropietro (10-3). Una bella incursione di Casella viene corretta in gol (11-3) ancora da Palmiero (doppietta per lui), mentre è Luongo, autore della solita prestazione a tutto campo, a fissare il punteggio sul 12-3 (piatto destro da fuori area su assist di Mastropietro).

 

Luigi Fattore

Segreteria CUS Caserta

 

 

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*