Privacy Policy Due Sicilie implacabile: CUS annientato (8-2) | CUS Caserta

Due Sicilie implacabile: CUS annientato (8-2)

SANTA MARIA CAPUA VETERE (CE) – Il CUS subisce dal Due Sicilie la terza sconfitta consecutiva in campionato, dove la vittoria ormai manca dalla trasferta di novembre a Benevento.

Dopo un primo tempo equilibrato conclusosi sul punteggio di 2-2, gli atellani nella ripresa hanno spiccato il volo, esibendo una maggiore tenuta sia atletica che mentale. Caratteristiche che in questo momento difficile mancano ai casertani, presentatisi all’Aulario, manco a dirlo, con gli uomini quasi contati: sette.

Sempre meglio che presentarsi in sei o cinque, come avvenuto rispettivamente con Calvi e Acerra; ma certamente non la si può definire abbondanza.

Tuttavia la novità-Di Vico nella formazione iniziale ha innalzato la competitività dei Cussini, autori comunque di un primo tempo di buon livello. La presenza del pivot ha giovato alla squadra, sia per gli appoggi garantiti nei momenti di sofferenza, sia per i grattacapi creati alla retroguardia ospite.

Purtroppo per la squadra di Bellofiore (Barbato ancora out), nella seconda frazione la compattezza e l’intensità sono andate disperse, come testimonia anche il punteggio finale.

Primo Tempo, il Due Sicilie fa la partita

Il tema del match è chiaro sin da subito: il Due Sicilie attacca e il CUS si difende nella propria metà campo. Nonostante la palpabile pressione degli ospiti, nei primi sei minuti alla voce “occasioni” lo score recita una per parte. Al 5′ un grande Di Stasio si oppone a Marcello, mentre un minuto più tardi Di Vico colpisce il palo in seguito a una bella intuizione di Menditto.

Al 9′ gli ospiti però passano in vantaggio: la conclusione di Mormile finisce alle spalle di Di Stasio dopo aver scheggiato il palo.

Il CUS non si scompone, e rimedia in fretta allo 0-1. Rossi recupera palla a centrocampo e scatta in contropiede: l’assist per l’accorrente Di Vico è perfetto: 1-1.

Anche dopo il pareggio il tema del match non cambia, ne è la riprova il duello tra Di Stasio e Marcello, con il portiere cussino chiamato agli straordinari. Tuttavia da un’ingenuità di Rossi nasce un rigore per il Due Sicilie. E Marcello non perdona: 1-2.

E allora Rossi ha qualcosa da farsi perdonare, e così rinnova la sua predilizione per l’assist. Stavolta è Menditto a beneficiare dell’altruismo di “Meme”: 2-2 al 29′.

Ancora Rossi protagonista nel finale di tempo, ma il suo tentativo si stampa sulla traversa.

Secondo Tempo, Due Sicilie dilaga

Da un finale di tempo incoraggiante per il CUS si passa però a una ripresa da incubo. Petruolo dà il cambio a Di Stasio e si oppone come può agli attacchi atellani, che portano la firma di Marcello e Belardo.

Al 6′ però è la conclusione sporca e fortunata scoccata da Mormile dalla destra a beffare l’estremo difensore casertano.

Il nuovo vantaggio ospite taglia le gambe ai Vanvitelliani, che dal 13′ in avanti subiscono reti quasi a intervalli regolari.

Mormile ci prende gusto e consolida il suo ingresso nel tabellino, andando in gol al 13′, al 17′ e al 20′. Nel mezzo le marcature del solito Marcello (15′) e di Aversano al 27′.

Niente da fare per il CUS, che anche in questa occasione ha pagato a caro prezzo le indisponibilità di diverse pedine. Alcune di loro potrebbero però recuperare in vista del prossimo impegno di campionato a Casaluce. Il luogo dell’ultima vittoria stagionale targata CUS (Coppa Campania). Che possa essere di buon auspicio.

Clicca qui per classifica e prossimo turno del girone A

Luigi Fattore

©Riproduzione Riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *